Si è tenuto questa mattina l'incontro - rigorosamente in videoconferenza - tra il Pd della provincia di Latina, rappresentato dal segretario provinciale Claudio Moscardelli e i consiglieri regionali Forte e La Penna, in videoconferenza l'assessore regionale Mauro Alessandri e il presidente di Astral Antonio Mallamo. 

Il Pd della provincia di Latina ha chiesto questo incontro per sostenere un piano di intervento per lo sviluppo della mobilità di persone e merci per superare il gap di infrastrutture che penalizza la provincia.  Il primo riguarda il quadrante centro nord: "Il più rilevante intervento sarà l'Autostrada Roma Latina e la bretella Campoverde-Cisterna-Valmontone che ci collegherà finalmente alla A1 e alla grande viabilità nazionale ed europea senza più passare per il Raccordo Anulare. Questo intervento sarà compreso nel prossimo decreto con cui il Ministero Infrastrutture indicherà 26 opere da realizzare con nomina di un commissario straordinario interamente finanziate dallo Stato".

Come spiegato dai dem, "Sarà realizzata l'intera opera infrastrutturale per oltre 2 miliardi di euro. L'interlocuzione con il Ministro De Micheli , il sottosegretario Margiotta e il costante e determinato impegno della Regione Lazio con il Presidente Zingaretti , il Vicepresidente Leodori e l'Assessore Alessandri ha prodotto il risultato pieno di far rientrare e l'intera opera tra quelle di interesse strategico nazionale per la ripresa dell'Italia. Per il polo farmaceutico del nord della provincia e per tutte le attività produttive sarà un'infrastruttura di grande sostegno per lo sviluppo futuro."  

Inoltre, poiché le risorse saranno interamente nazionali si liberano risorse regionali per altri interventi strategici, soprattutto per il quadrante CentroSud. "Con l'assessore Alessandri abbiamo portato avanti un confronto con due obiettivi accolti e confermati dalla Regione. Raddoppio della Formia Cassino (80 milioni di euro ) e Pedemontana di Formia secondo il progetto (proposto dalla Giunta Bartolomeo) a cui Anas sta lavorando per un costo di 180 milioni di euro di cui 80 sono già la dotazione Anas e la Regione interverrà per altri 100 milioni. Lo sviluppo del sud avrà una spinta forte con il porto di Gaeta collegato velocemente all'autostrada A1 e con tuta l'area industriale del sud pontino e del Cassinate . Potrà entrare nelle autostrade del mare e dare forte impulso a tutto il settore della logistica oltre che alla spinta degli altri settori del manifatturiero, con ricaduta occupazionale e di prospettiva per Gaeta, Formia e Minturno e di tutti i comuni dell'area. Formia avrà grande beneficio per la qualità della vita, per il turismo e per il suo sviluppo economico".

Inoltre, "per il Mof di Fondi abbiamo chiesto di affrontare il collegamento con l'autostrada attraverso la ripresa del progetto della Fondi Ceprano che ha una sua definita idea progettuale. Altro tema è quello del collegamento con il Porto di Gaeta insieme al collegamento del comprensorio Terracina Fondi con il sud della Provincia. Abbiano chiesto di stanziare risorse per un'ipotesi progettuale da costruire con i territori essendo l'area molto pregiata per la presenza del lago di Fondi e per le tante aziende agricole. Inoltre il litorale di grande valenza ambientale e turistica di Terracina e Fondi deve essere preservato e valorizzato rispetto ad ogni scelta in termini di infrastrutture e di mobilità. La Regione sta preparando il pacchetto infrastrutture per la ripresa e il PD vuole porre il rilancio infrastrutturale della Provincia tra le priorità nazionali e regionali".