Il ricorso della società "Porto del Circeo" per la Regione Lazio deve essere respinto. Questo quanto sostenuto nelle memorie difensive depositate nell'udienza del 31 gennaio. La società, che all'epoca si chiamava "Penta", ha chiesto sette milioni di euro di risarcimento danni per l'annullamento della concessione demaniale marittima del 2001 per l'ampliamento e la gestione del porto. Diversi gli enti citati in giudizio, tra cui il Comune di San Felice Circeo. La prossima udienza è stata fissata per la fine di maggio di quest'anno davanti al Tribunale civile di Roma.  

L'articolo completo su Latina Oggi in edicola e in versione digitale (3 febbraio)