Hanno cantato l'Inno di Mameli e poi hanno appoggiato il codice penale e il codice civile sulle scale all'ingresso del Tribunale di Latina.

Gli avvocati del Foro di Latina si sono dati appuntamento a mezzogiorno in piazza Buozzi a Latina e hanno lanciato il grido d'allarme per la categoria che è ferma e completamente paralizzata.  Il flash mob si è svolto in tutta Italia e nel capoluogo hanno partecipato un nutrito drappello di toghe, almeno un centinaio, che ha manifestato il disagio che sta vivendo il mondo dell'avvocatura in un momento cruciale e difficile, senza precedenti. 

"C'è una fase 2 ma la giustizia invece è ancora ferma", ha spiegato un avvocato. "Stiamo vivendo un momento difficilissimo, speriamo di uscirne ma il momento è drammatico", ha aggiunto un collega.