Si è conclusa poco fa, alla presenza dell'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato, l'odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

"Oggi registriamo un dato di 10 casi positivi di cui 3 riferiti a recuperi di notifiche e continuano a crescere i guariti che sono stati ben 95 nelle ultime 24h. A Roma città si registrano solo cinque nuovi casi. Non dobbiamo abbassare il livello di guardia in vista delle riaperture del 3 giugno. L'obiettivo prioritario rimane quello di difendere Roma e il Lazio. Controllate speciali le stazioni e gli aeroporti. Potenziato il contact tracing e i casi sospetti saranno indirizzati ai drive-in. E' auspicabile il tracciamento a livello nazionale.
Proseguono le attività per i test sierologici agli operatori sanitari e delle Forze dell'Ordine. Ad oggi sono stati eseguiti oltre 70 mila test con una circolazione pari al 2,6%. Prosegue l'attività ai drive-in per i tamponi ed è stato potenziato il ‘contact tracing' con una riunione operativa ogni giorno con le Asl sui tracciamenti. I decessi sono stati 7, mentre il numero complessivo dei guariti è di 4.105 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati circa 258 mila".

Inoltre, è partito questa mattina il servizio di assistenza medica del Servizio sanitario regionale. Oltre al Personale del Parco del Colosseo sarà garantita l'assistenza anche del personale medico e infermieristico dalla Asl Roma 1 dotato di un camper mobile. Per quanto riguarda i Dpi, i dispositivi di protezione individuale oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 52.600 mascherine chirurgiche, 30.000 maschere FFP2, 1.200 maschere FFP3, 10.000 camici impermeabili, 5.400 tute, 2.350 guanti.