I poliziotti della Questura di Latina, nella giornata di ieri hanno tratto in arresto B. R. del 1964, colpito da ordine di esecuzione della misura degli arresti domiciliari emesso dal Tribunale di Latina in quanto responsabile di atti persecutori. Il provvedimento è scattato a seguito di una dettagliata attività di indagine della Squadra Mobile di Latina, che ha evidenziato tutta una serie di pericolose e persecutorie azioni messe in atto dall'uomo nei confronti della ex moglie.

Infatti, nonostante al 56enne fosse stata già da tempo applicata la misura del divieto di avvicinamento alla ex coniuge, l'uomo ha continuato a pedinarla, tempestarla di messaggi minatori sul telefono e sui social, fino all'ultima e più grave minaccia, raccolta in una conversazione con il figlio, nella quale l'uomo manifestava la volontà di piazzare una bomba nell'abitazione della donna.

L'ostinazione di B.R., unita alla crescente pericolosità dei suoi comportamenti, hanno indotto l'A.G. ad emettere l'ordine di arresto per atti persecutori del 56enne, che ora si trova ristretto nel proprio domicilio, non ritenendo più sufficiente la sola misura del divieto di avvicinamento alla ex moglie.