"Come amministrazione non faremo mancare il nostro aiuto". Così, in una nota ufficiale, il consigliere comunale di Lbc con delega alla Marina di Latina, Maria Grazia Ciolfi, è intervenuto in merito ai danni registrati questa mattina nella marina di Latina a seguito della forte ondata di maltempo di oggi.

"Dopo i mesi di chiusura a causa del lockdown per l'emergenza coronavirus oggi ci si mette anche il maltempo a dare problemi agli operatori balneari. La mareggiata della scorsa notte ha causato numerosi danni su tutto il litorale, dove erano già montate tutte le strutture balneari appena riaperte. Si contano danni da migliaia di euro, come riferito dagli operatori che sono riuscita a contattare nel corso della mattinata: molti materiali sono andati distrutti, altri addirittura dispersi in mare. Alcuni hanno registrato anche danni strutturali e ci sarà una stima nelle prossime ore".

Anche la duna maggiormente erosa dall'avanzare violento dell'acqua ha subìto importanti danni - prosegue il consigliere - Come consigliera con mandato del sindaco per la marina, posso assicurare che l'amministrazione sarà presente anche in questa nuova emergenza: il sindaco sta predisponendo un sopralluogo; i servizi si stanno già attivando per risolvere i problemi che si sono venuti a creare e supportare gli operatori per il ripristino delle condizioni dell'arenile".

Le violente mareggiate che si sono abbattute su tutto il litorale pontino tra stanotte e le prime luci dell'alba non hanno risparmiato le spiagge del capoluogo. Ingenti i danni anche a Latina, da dove arrivano immagini drammatiche da parte di molti degli imprenditori che avevano da poco allestito i loro stabilimenti balneari dopo mesi di ansie e attese.

Il mare ha divorato la spiaggia già ridotta drasticamente nel corso degli anni per via dell'erosione. Il vento ha divelto ombrelloni, coperture e sedie, mentre l'acqua ha in alcuni casi anche divelto le protezioni di legno degli stabilimenti. Fortunatamente in queste ultime ore la morsa del maltempo sembra essersi lievemente allentata. Adesso si farà la conta dei danni, all'inizio di un'estate ancora troppo pregna di dubbi e incertezze per gli operatori del mare. 

di: Gianpiero Terenzi