Ha ottenuto gli arresti domiciliari l'uomo arrestato nei giorni scorsi per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri si è svolto l'interrogatorio di convalida, il pm aveva chiesto la detenzione in carcere e alla fine il giudice Mario La Rosa, ha concesso nei confronti dell'indagato, difeso dall'avvocato Massimiliano Mastracci, la misura degli arresti domiciliari per l'incensuratezza e altri elementi.
In sede di interrogatorio l'uomo ha risposto alle domande e si è professato innocente.

L'operazione era scattata nei giorni scorsi ed era stata condotta dai carabinieri della stazione di Sabaudia e aveva portato al sequestro della sostanza stupefacente: in tutto mezzo chilo di cocaina. Erano stati i militari - diretti dal luogotenente Pietro Maglione - a portare a termine l'operazione e a fermare il 45enne che era in sella ad una Suzuki Gsxr 1000; gli investigatori avevano trovato una somma di denaro pari a 8500 euro, in un secondo momento nel corso della perquisizione in casa, all'interno dell'attiguo garage erano state sequestrate 3 buste termosaldate, occultate all'interno di un barattolo contenente complessivamente 430 grammi di cocaina e poi materiale vario per il confezionamento e la pesatura di precisione.