Da tre giorni consecutivi il campo nomadi di Castel Romano continua a bruciare. Dopo il rogo di lunedì e quello divampato all'alba di ieri, oggi le fiamme sono tornate a bruciare qualsiasi cosa hanno trovato sulla loro strada nei pressi della Pontina, al confine fra Roma e Pomezia. In fumo chili e chili di rifiuti accanto ai moduli abitativi già distrutti dalle fiamme nella giornata di ieri. Sul posto i vigili del fuoco del distaccamento di Pomezia e altri colleghi del comando provinciale di Roma. La situazione d'emergenza è davvero infinita.