L'ultima impresa dei ladri è fallita miseramente, o meglio affondata nel terreno di un campo alle porte di Latina, dove si è impantanato il camion, rubato, che stavano utilizzando per portare via un carico di rame. Un intoppo che ha mandato all'aria i loro piani, anche se i soliti ignoti erano piuttosto determinati e hanno persino rubato un trattore da un'azienda agricola vicina per cercare di tirare fuori l'autocarro bloccato. Niente da fare, si sono dovuti arrendere.

La scoperta è stata fatta nella mattinata di ieri nella campagna alle spalle del complesso artigianale che si trova in fondo a strada delle Vergini Nuove, nella periferia tra Latina e Borgo Sabotino. Lì sono stati trovati il camioncino con la refurtiva e il trattore, poco dopo la scoperta dei rispettivi furti da parte dei proprietari delle aziende prese di mira la scorsa notte, praticamente tutti nello stesso circondario.

L'obiettivo della banda di razziatori era la scorta di grossi cavi elettrici depositata all'interno di un'attività artigianale che ha sede proprio nel complesso di strada delle Vergini Nuove, una serie di bobine che una volta portate in un luogo sicuro e private della guaina, avrebbero fruttato qualche migliaia di euro di rame, "oro rosso" che ha sempre fatto gola ai ladri. Per riuscire nell'impresa i soliti ignoti hanno rubato anche un vecchio autocarro, un mezzo che di certo non consentiva loro di potersi avventurare in qualsiasi tipo di terreno: fatto sta che una volta caricata la refurtiva sul cassone, hanno imboccato la campagna retrostante al capannone dell'azienda, ma forse a causa del buio il camioncino è finito con una ruota in un fossato.
Appesantito dal carico di cavi elettrici, l'autocarro è rimasto bloccato e non c'era verso di tirarlo fuori da quella situazione. Così i i ladri hanno deciso di tentare il tutto per tutto e si sono introdotti in un'azienda agricola che si trova a due passi da lì.