Una giovane donna è riuscita ieri pomeriggio a derubare un'anziano dell'orologio che indossava al polso. Lo ha fatto con abili gesti, dopo avere messo in confusione la vittima con un abbraccio, fingendosi una tipa dai facili costumi: era in realtà una rapinatrice piuttosto esperta, entrata in azione con la complicità di un uomo che la aspettava al volante di un'auto accesa, pronta per la fuga a tutta velocità. Si trattava certamente di una coppia di trasfertisti, fatto sta che sono riusciti a colpire in uno dei quartieri più impenetrabile per antonomasia, nel cuore di Campo Boario.

L'episodio si è consumato poco prima delle 17 all'esterno del bar all'angolo tra via Sirtori e via Tiberio, quindi non una zona di passaggio. Probabilmente i banditi cercavano un contesto tranquillo per colpire indisturbati: e a quell'ora, infatti, nel bar c'erano soprattutto persone di una certa età che trascorrevano il tempo tra una bevuta e una chiacchiera col vicino. Proprio come la vittima, un pensionato di 70 anni che abita a poca distanza dal negozio.

Come ricostruito successivamente dai poliziotti della Squadra Volante intervenuti in seguito la richiesta d'aiuto al 113, la ragazza era scesa da una coupé grigia argento che si era accostata poco prima non lontano dal bar. La sconosciuta ha cercato subito di abbracciare un uomo seduto a un tavolino sul marciapiede, ma quando lui l'ha respinta, non si è persa d'animo e si avvinghiata al settantenne che si trovava davanti all'ingresso. Lui ha cercato di dissuaderla con qualche battuta, pensando si trattasse di una prostituta, invece la donna ha approfittato di quel breve contatto per sfilare dal polso dell'uomo un costoso orologio d'oro marca Omega.