Lo stratagemma è uno dei più diffusi, quello della finta locazione di case realmente esistenti nella attualissima truffa delle case vacanze. Nel periodo estivo naturalmente il fenomeno si fa più intenso, causando perdite di denaro anche cospicue e rovinando le vacanze a migliaia di persone.
Le vittime sono sia italiane che straniere e tutte seguono lo stesso iter: selezione della casa su un sito di annunci, prenotazione online o tramite contatto diretto e pagamento in anticipo della caparra o di tutta la somma.


Ad esserne rimaste vittime, tante persone anche in provincia di Latina. «Cercavo casa a Gaeta per il mese di luglio e così mi sono rivolta prima a delle agenzie, poi su Internet ho notato un' annuncio che mi piaceva di più, la casa sembrava rifinita meglio, arredata meglio e la posizione era quella che preferivo, proprio sul mare». A parlare è una signora che ha raccontato la sua disavventura in tv mantenendo l'anonimato. La donna aveva individuato ciò che cercava per sé e per i propri nipoti su un noto sito di offerte. Si trattava apparentemente di un affare, una bella abitazione a due passi dal mare con addirittura incluso nel prezzo il pacchetto stabilimento balneare. «Ho versato un anticipo per un totale di 1850 euro perché 750 euro servivano per prenotarmi l' ombrellone» ha spiegato la donna. E' a caparra versata che però la donna scopre di essere rimasta vittima di una truffa perché «nel momento in cui ho cercato di contattarla, quella persona non rispondeva più, non esisteva più neanche l' indirizzo mail».