Prima udienza ieri davanti al giudice Giorgia Castriota dei due fascicoli Astrice e Petrus, che sono stati riuniti in un unico procedimento. In aula davanti ai pm Giuseppe Bontempo e Valerio De Luca, dopo che erano stati ammessi i riti abbreviati, è stato il turno dei giudizi condizionati all'escussione dei testimoni . Alla fine il processo è stato rinviato al prossimo 17 luglio quando entrerà nel vivo. Tutti gli imputati hanno scelto il rito alternativo che prevede la riduzione di un terzo della pena alla luce degli elementi che sono stati raccolti in fase di indagini preliminari dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Latina che avevano condotto le indagini che in un secondo momento avevano portato alla scoperta di alcune falle nel carcere di via Aspromonte dove potevano entrare derrate alimentari e poi anche sostanze stupefacenti.  Dopo il 17 luglio, quasi di sicuro, sono previste altre udienze durante le quali discuterà il collegio difensivo e a seguire è prevista la sentenza per i primi giorni di agosto.