Si chiama Bairakdar Hayssam il 76enne pensionato d'origine siriana investito e ucciso attorno alle 22.50 di lunedì scorso sul Lungomare delle Meduse, a Torvajanica.

L'uomo, lo ricordiamo, è stato falciato dall'auto condotta da un 21enne di Pomezia che, inizialmente, non si era fermato a prestare soccorso e poi, subito dopo aver capito la gravità dell'accaduto, si è recato in caserma dai carabinieri per costituirsi, rimediando una denuncia per omicidio stradale.

Il giovane, lo ricordiamo, stava percorrendo Lungomare delle Meduse quando, circa 150 metri prima della caserma dei carabinieri, la sua Lancia Ypsilon è finita contro un 76enne pensionato d'origine siriana residente in zona che stava attraversando la strada a pochissima distanza dalle strisce pedonali.

Un impatto violento, che ha fatto finire Bairakdar Hayssam a terra: sulle prime, il giovane non ha arrestato la marcia e ha proseguito la corsa, presumibilmente spaventato per l'accaduto. Sul posto, quindi, sono stati alcuni passanti a soccorrere l'anziano e a chiamare i soccorsi, giunti sul lungomare con un'ambulanza.

I sanitari hanno tentato una disperata corsa verso il Pronto soccorso della clinica Sant'Anna, ma durante il tragitto il cuore dell'anziano ha cessato di battere.

Nel frattempo, proprio mentre l'uomo stava morendo, il ragazzo - incensurato - ha capito la gravità dell'accaduto e ha deciso di andare nella caserma dei carabinieri di Torvajanica per raccontare tutto: è qui che l'operaio pometino ha appreso della tragedia e ha rimediato una denuncia a piede libero per omicidio stradale.

Gli stessi carabinieri afferenti alla Compagnia di Pomezia guidata dal capitano Luca Ciravegna hanno sottoposto il ragazzo all'alcoltest, risultato negativo.

Chiaramente, l'auto del giovane è stata sequestrata e i carabinieri hanno eseguito alcuni rilievi sul luogo dell'incidente.

A quanto pare, il ragazzo non si sarebbe avveduto della presenza dell'uomo in mezzo alla strada e l'impatto, di conseguenza, è stato inevitabile.

Chiaramente, gli accertamenti proseguiranno anche nelle prossime ore, mentre il corpo del pensionato siriano è stato messo a disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica di Velletri.

Un anziano di 77 anni è stato investito da un'auto sul lungomare di Torvajanica (Pomezia) e, poco dopo, è morto nel tragitto verso l'ospedale. Il giovane al volante del mezzo, un 21enne pometino, è prima scappato senza prestare soccorso e qualche minuto dopo, avendo compreso la gravità dell'accaduto, si è recato in caserma e ha raccontato tutto ai carabinieri, rimediando una denuncia a piede libero per omicidio stradale.

Tutto è avvenuto ieri notte, attorno alle 22.50, sul Lungomare delle Meduse, nei pressi della Stazione dei carabinieri: il ragazzo ha urtato il 77enne pensionato siriano nei pressi delle strisce pedonali e poi, a bordo della Lancia Ypsilon, ha proseguito la marcia, forse impaurito per l'accaduto.

L'anziano è stato soccorso e caricato sull'ambulanza verso la clinica Sant'Anna di Pomezia, ma per lui i soccorsi sono stati inutili.

Al contempo, il giovane ha deciso di costituirsi in caserma a Torvajanica, coi carabinieri della locale Stazione (afferenti alla Compagnia di Pomezia guidata dal capitano Luca Ciravegna) che lo hanno denunciato. Il ragazzo è risultato negativo all'alcoltest.

di: Francesco Marzoli