L'uomo di 42 anni ucciso nella notte a Napoli con 14 coltellate è Salvatore Attanasio, il pusher campano che da tempo si era trasferito a Latina, compagno di una trentenne latinense legata agli ambienti della mala pontina. Attanasio era finito in manette agli inizi di aprile, in pieno lockdown, quando i poliziotti della Squadra Volante di Latina lo avevano trovato a girare senza motivo e, in casa, avevano scoperto una discreta scorta di droga, ovvero 7 grammi di cocaina e 65 pasticche di anfetamina.

Dopo un periodo trascorso in carcere, il 42enne era tornato in libertà con l'obbligo di firma a Latina. Fatto sta che stanotte si trovava a Napoli e secondo le prime ricostruzioni degli investigatori campani della Polizia, girava in scooter quando ha incontrato l'omicida in via Manzo, alle Case Nuove. Aggredito in circostanze ancora sconosciute, Salvatore Attanasio è stato ferito con 14 coltellate, molte delle quali lo hanno colpito al torace e alle. A nulla è valso il tentativo dei soccorritori di salvargli la vita: è deceduto dopo il ricovero presso l'ospedale dei Pellegrini.