Due scosse di terremoto a distanza di un'ora e mezza l'una dall'altra, entrambe molto lievi. E' questo quanto accaduto nella notte nell'entroterra della provincia di Roma, in un caso nei pressi del confine con quella di Latina.

Il primo terremoto è stato registrato dai sofisticati sistemi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 2 e 12 minuti nei pressi di Colonna, tra la Casilina e la Prenestina Nuova: in questo caso, la magnitudo è stata di 1.4 gradi della scala Richeter e l'epicentro è stato localizzato a 11 chilometri di profondità.

Alle 3.46, invece, la terra ha tremato ad Artena nella zona di via del Campo Sportivo, al Colubro, ossia a poca distanza dai confini comunali con Lariano e con Cori. La magnitudo, in questo caso, è stata leggermente superiore: 1.7 gradi della scala Richter. L'epicentro del sisma è stato localizzato anche stavolta a 11 chilometri di profondità. 

Non è escluso che i due eventi sismici siano collegati tra loro; fortunatamente, non si registrano danni, né persone ferite.