Sono 43, in totale, i casi di Coronavirus registrati sul territorio di Ardea.

Lo ha annunciato nella serata di ieri l'assessore delegato all'Emergenza Covid-19, Alessandro Possidoni, che ha sottolineato anche come attualmente siano positive al Coronavirus solo due cittadini, mentre 37 sono le persone guarite e quattro quelle decedute. 

«Globalmente - ha commentato Possidoni - sono dati che confermano come le misure di prevenzione e distanziamento sociale stiano funzionando, ma che non bisogna abbassare il livello di attenzione».

L'assessore, poi, è tornato a parlare anche del caso del cittadino marocchino arrivato ad Ardea che ha violato la quarantena preventiva: fortunatamente non ha il Coronavirus. «Volevo aggiornarvi su una notizia pubblicata qualche giorno fa, quando presso gli uffici dell'Anagrafe a via della Croce si era presentato un cittadino magrebino che, tornato da un viaggio in Marocco, non aveva terminato il periodo di quarantena precauzionale. Il cittadino in questione era stato riportato presso il suo domicilio di Ardea dalla polizia locale e sottoposto a tampone.
Vi confermo che il risultato del tampone è negativo. Ho già avvisato il personale dell'Anagrafe e Stato Civile che, pur avendo mantenuto il distanziamento adeguato dal soggetto, mi avevano espresso una loro certa preoccupazione per l'accaduto».