Nelle scorse ore, tra le province di Milano e Latina, i finanzieri del Comando provinciale pontino hanno eseguito un provvedimento cautelare reale del Tribunale di Roma e hanno sequestrato imprese commerciali operanti principalmente nel settore del commercio e del noleggio di autovetture, ma anche beni mobili e immobili, nonché disponibilità finanziarie.

I beni sottoposti a vincolo, ossia l'intero compendio aziendale di quattro società, conti correnti, un immobile, 29 automezzi e uno yacht di circa 18 metri trovati nelle province di Milano e Latina, sono risultati, a vario titolo, nella disponibilità di un uomo da anni residente nella provincia pontina.

Le attività investigative condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Latina, mediante il tracciamento dei flussi finanziari dell'uomo e delle strutture societarie a lui riferite, hanno consentito di accertare il finanziamento di aziende operanti in territorio lombardo e pontino, che pare fossero fittiziamente intestate a soggetti terzi interposti e nelle quali erano fatti confluire i beni in questione, di fatto riconducibili alla disponibilità dell'uomo.

Gli accertamenti di natura economico-patrimoniale eseguiti oggi nei confronti dell'uomo, dunque, hanno permesso di sequestrare beni a lui intestati o riconducibili alla sua persona, per un valore complessivo prudenzialmente stimato per oltre 4.000.000 di euro, di gran lunga sproporzionato rispetto ai redditi lecitamente dichiarati.