Un inquietante episodio si è consumato ieri notte in una zona residenziale della città, dove un giovane tunisino è stato bloccato mentre entrava in casa di un'anziana che vive sola, fermato mentre si arrampicava sul balcone. A rendere allarmante l'episodio è il fatto che lo straniero non intendeva rubare in quell'appartamento, anzi probabilmente non era la prima volta che lo faceva: grazie all'intervento di due vicini, un agente scelto di Polizia libero dal servizio e suo padre, ispettore in pensione, il malintenzionato è stato arrestato e oggi sarà processato, ma sono in corso gli accertamenti del caso per approfondire la questione. La donna infatti era sotto choc per l'accaduto, ma la sua ricostruzione dei fatti sembra tirare in ballo una brutta vicenda di molestie.

I fatti si sono verificati nel cuore della notte di ieri nella zona di via dei Volsci, dove il giovane poliziotto, che presta servizio a Roma, ha notato i movimenti sospetti dello straniero e non ha esitato a intervenire per verificare cosa stesse succedendo. L'agente scelto, aiutato dal padre e col supporto delle pattuglie impegnate nei servizi notturni di controllo del territorio, ha bloccato il tunisino vanificando anche il tentativo di quest'ultimo di sottrarsi al controllo di polizia. Motivo per il quale, portato in Questura per accertamenti, il giovane straniero, che ha meno di trent'anni, è stato arrestato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e violazione di domicilio, quindi è finito dietro le sbarre delle camere di sicurezza in attesa del processo che oggi sarà celebrato con rito direttissimo.