Ancora un intervento della Guardia Costiera di Gaeta per liberare spazi occupati abusivamente con attrezzature balneari. In questo caso si tratta di milletrecento metri quadri di spiaggia restituiti al libero godimento e oltre centocinquanta attrezzature balneari sequestrate. 

L'intervento è stato effettuato sul versante del litorale sperlongano dove il personale della Guardia Costiera, operando col supporto del personale della Guardia di Finanza di Fondi, ha proceduto a denunciare alla competente Procura della Repubblica di Latina, un soggetto originario del posto, per aver abusivamente occupato un tratto di litorale, in località "Lago Lungo". È stato accertato, infatti, un posizionamento di svariate attrezzature balneari, ancor prima dell'arrivo dell'utenza, in contrasto alle vigenti disposizioni in materia di abusiva occupazione demaniale.

I militari, diffidato il titolare dell'attività, hanno provveduto a far eseguire l'immediata rimozione delle attrezzature restituendo alla pubblica fruizione milletrecento metri quadri di "spiaggia libera". Sono risultati invece regolari gli esiti degli ulteriori controlli effettuati a Gaeta, a verifica dei locali litorali Sant'Agostino, Serapo, Fontania), che hanno impegnato, in un mirato dispositivo di controllo e sorveglianza, la Guardia Costiera di Gaeta, unitamente alle altre Forze di Polizia presenti sul territorio. I controlli comunque vanno avanti sulle spiagge come in mare.