Sono partiti dal campo rom di Castel Romano, sulla Pontina, e hanno raggiunto il centro di Roma per provare a rubare su un'auto. Dopo aver infranto uno dei vetri, però, sono stati visti mentre rovistavano nel veicolo dai carabinieri, che li hanno bloccati e arrestati.

E' la storia di due giovanissimi rom di 14 e 15 anni - con il primo già conosciuto dalle forze dell'ordine - che ora si trovano nel centro di prima accoglienza per minori di via Virginia Agnelli e devono rispondere dell'ipotesi di reato di tentato furto aggravato in concorso.

Nello specifico, dopo aver lasciato l'insediamento nomade al confine fra Roma e Pomezia, i due adolescenti sono andati in vicolo Jugario, nel centro storico della Capitale, e hanno spaccato il vetro posteriore di un suv parcheggiato in strada, iniziando a rovistare al suo interno per cercare oggetti di valore da rubare.

E' in questo frangente che sono stati visti e arrestati in flagranza dai carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Roma San Pietro, che hanno anche riaffidato il veicolo al turista che ne era in possesso senza che al suo interno fosse asportato alcunché.