Gli investigatori di Polizia e Carabinieri lavorano affiancati per individuare gli impostori che lunedì mattina, in due circostanze diverse, in un lasso di tempo piuttosto ristretto, hanno derubato anziani che vivono in zone diverse della periferia di Latina. Gli indizi raccolti finora, infatti, portano a ipotizzare che a colpire siano state le stesse persone o al massimo una banda di specialisti, probabilmente gente esperta che si sposta rapidamente da una città all'altra per agire indisturbata senza lasciare tracce. Intanto le forze dell'ordine lanciano un appello a tutti i pensionati affinché mantengano alta l'attenzione in un periodo delicato come quello estivo, quando gli anziani si ritrovano soli in casa con i familiari lontani, magari in villeggiatura. A lanciare l'allarme sono direttamente il questore Michele Maria Spina e il colonnello Gabriele Vitagliano che invitano tutte le persone più esposte a mantenere alta l'attenzione, diffidando degli estranei che insistono per entrare nelle loro case. È sufficiente prendere il telefono e allertare i numeri di emergenza 112 e 113 per dissuadere i malintenzionati.

Uno dei casi, lunedì mattina, si è consumato nella zona di Borgo Santa Maria, dove due uomini sono riusciti a vincere la diffidenza di una coppia di pensionati, molto anziani, spacciandosi per tecnici dell'Enel. Con la scusa di un controllo, gli sconosciuti hanno invitati le vittime a raccogliere gioielli e soldi per metterli al riparo da un'improbabile rischio di contaminazione, poi hanno mandato in confusione gli anziani, forse anche con l'impiego di uno spray narcotizzante, fatto sta che sono riusciti a prendere tutto, contanti e preziosi.