Quella borsa rossa incerata è un pezzo di cuore. Un pezzo di cuore che qualcuno ha portato via entrando nel bar Aldacchio, in via Oberdan nel centro di Latina. Nei giorni scorsi un uomo ha forzato la porta di ingresso del locale, ha preso banconote, sigarette e soldi ma ha portato via qualcosa che per Ermanna Fazio, la proprietaria del locale, ha un valore affettivo inestimabile. La donna da quattro anni ha perso il marito Aldo Buonamano, travolto in sella alla sua bicicletta sulla Pontina nel luglio del 2016 da un furgone.

E' una tragedia che prosegue nel cuore della donna e della figlia che attendono ancora la fine del processo di primo grado in Tribunale. Nei giorni scorsi qualcuno ha portato via un oggetto che per Ermanna è quasi tutto. Quella borsa ha il profumo dei ricordi, di una vita insieme, di una quotidianità perduta. Sono quei rari oggetti che è come se a volte parlassero.

«E' una borsa che vale poche decine di euro - spiega Ermanna - che mi ha regalato mio marito e dentro la borsa custodivo la fede». Quella borsa è sparita, è il bottino di uno furto ma adesso arriva un appello carico di significati. «Con mio marito stavamo insieme dal 1972 - racconta la donna dal bancone del suo bar - ci siamo sposati nel 1978, abbiamo trascorso una vita insieme fino a quell'incidente».

La donna ha presentato denuncia alle forze dell'ordine dopo che ha subito il furto e adesso lancia un accorato appello. «Era un ricordo bellissimo di mio marito, mi tocca profondamente questa cosa e cioè che qualcuno mi abbia portato via questo oggetto a cui sono molto legata dal punto di vista affettivo - racconta lei - il borsello non era di valore ma sono dispiaciuta dell'insensibilità di chi ha agito in quel caso. Lancio un appello a chiunque possa avere notizie di questo borsello in ceratina, rosso come il cuore, è come se mi avessero tolto un altro pezzo di mio marito, oltre all'incidente. I soldi vanno e vengono è il valore affettivo che in questo caso a me fa male».

All'interno del bar ci sono le foto di Aldo, una maglietta che ricorda Marco Pantani e poi l'orologio che si è fermato all'ora in cui è avvenuto quattro anni fa il terribile incidente stradale.