La sfida tra chi sporca l'ambiente e chi lo ripulisce sembra essere diventato l'ennesimo round di una sfida atavica tra bene e male. Si scopre così che nei pressi del diversivo Amaseno, ovvero la deviazione realizzata negli anni ‘70 sul corso del fiume per evitarne le piene, nel territorio di Priverno vicino alla diga, nei pressi dei confini con Roccasecca dei Volsci, qualcuno è tornato a buttare dei rifiuti.

La denuncia arriva da Emanuele Pirrera, referente locale e regionale dell'associazione nazionale Plastic Free Onlus, un'associazione di volontari ambientalisti che si occupa di organizzare eventi per ripulire l'ambiente.

Stavolta sono stati ammucchiati abiti dismessi, raccolti in alcune buste, cassetti di un mobile vecchio e altri oggetti; cose che sarebbero potute essere conferite tranquillamente in discarica presso le isole ecologiche di zona, Roccasecca dei Volsci, Sonnino, Priverno, a seconda della provenienza dell'autore del gesto. Autore che, una volta caricato in auto tutto ciò di cui disfarsi, ha pensato invece di commettere reato e smaltirlo illecitamente.