Violenza e resistenza a pubblico ufficiale. E' questo il motivo per cui un 33enne di Cisterna di Latina, barista di professione e già conosciuto alle forze dell'ordine, è stato arrestato la scorsa notte dai carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia Roma Trastevere.

I militari dell'Arma, in particolare, lo hanno fermato nell'ambito di un posto di controllo alla circolazione stradale allestito in piazza Ippolito Nievo: il giovane, a quanto apre, era alla guida di uno scooter e quando si è fermato all'alt dei militari è parso in condizioni psico-fisiche presumibilmente alterate e non aveva documenti al seguito.

A quel punto, i carabinieri lo hanno invitato a sottoporsi al test dell'etilometro, ma il 33enne ha assunto un atteggiamento per nulla collaborativo: "Si è rifiutato di eseguire l'accertamento e, dopo aver oltraggiato i militari, ha tentato addirittura di fuggire a piedi".

Di conseguenza, i carabinieri lo hanno inseguito e raggiunto; il cisternese "ha iniziato a cercare lo scontro fisico, ma è stato immediatamente immobilizzato".

A quel punto, per lui è scattato l'arresto in flagranza di reato: è stato trattenuto in caserma in attesa del processo per direttissima.