Un mese e mezzo dopo quell'incidente maledetto, Marco Ariu è deceduto presso l'ospedale romano dove era ricoverato. La Procura del capoluogo pontino ieri ha disposto un esame autoptico per permettere al medico legale di accertare se le cause del decesso siano direttamente collegate con quell'incidente stradale del 26 luglio. Marco, 41 anni, residente a Roma, era ad Aprilia, era andato a trovare la famiglia e a passare una domenica con i parenti. Poi era salito in sella alla sua adorata moto e stava percorrendo via Apriliana quando, per cause ignote, ne ha perso il controllo rovinando a terra. Gli agenti della Polizia locale di Aprilia, giunti sul posto per i rilievi, non avrebbero trovato segni o elementi che possano far pensare al coinvolgimento di un secondo veicolo.

L'ipotesi all'epoca più fortemente seguita era quella di una distrazione fatale, di una manovra sbagliata. Marco aveva riportato gravissime ferite per cui ne era stato disposto l'immediato trasferimento alla clinica Città di aprilia dove i medici lo avevano sottoposto ad un primo intervento urgente. Poi nelle ore successive ne era stato disposto un altro trasferimento, questa volta a Roma, in elicottero. Il decesso del 41enne è avvenuto nella giornata di sabato, ma la notizia e le relative pratiche burocratiche si sono mosse solo nelle scorse ore. Una volta effettuato l'esame da parte del medico legale, la famiglia potrà far celebrare la cerimonia funebre.