Nel corso della serata di giovedì, i poliziotti della Squadra Volante hanno tratto in arresto C.M., di anni 46, responsabile del reato di "maltrattamenti contro familiari e conviventi".

A seguito di segnalazione pervenuta al Centralino di Soccorso Pubblico "113", gli operatori della Volante sono intervenuti in una via del centro cittadino ove era stata segnalata la presenza di un uomo che, in preda all'ira, stava tentando di aggredire una donna. Con non poche difficoltà i poliziotti sono riusciti a riportare la calma e sedare la lite, accertando trattarsi di un litigio tra ex coniugi, non degenerato solamente grazie all'intervento della pattuglia della Polizia di Stato. L'uomo, in evidente stato di alterazione alcolica, dopo pochi istanti di serenità ha ripreso ad avere un atteggiamento di prepotenza e prevaricazione, inducendo gli operatori della Polizia al suo accompagnamento in ufficio, dove ha perseverato nei suoi atteggiamenti litigiosi.

Alla luce degli immediati accertamenti eseguiti, corroborati anche dalle dichiarazioni dalla donna, considerata la sua attuale pericolosità e le circostanze descritte, si è proceduto all'arresto della persona in argomento e al suo successivo accompagnamento presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.