Gli obiettivi si possono raggiungere con il gioco di squadra, nel solco lasciato dal suo predecessore. «Il primo obiettivo è rinforzare la collaborazione con le istituzioni e le altre forze di polizia e l'altro obiettivo è potenziare il rapporto di fiducia con i cittadini: è fondamentale». Il colonnello Lorenzo D'Aloia, arriva dal Nucleo Investigativo di Roma dove è stato per sei anni, prima ancora è stato a Napoli dove ha ricoperto lo stesso incarico. Conosce bene cosa lo aspetta per il suo primo incarico alla guida di un Comando Provinciale.

«Questa è una realtà complessa - ha detto ieri in occasione della presentazione ufficiale durante il primo giorno di lavoro - ci sarà da lavorare ma prima voglio sottolineare che nel corso della mia attività di comando voglio proseguire nel solco tracciato dal mio predecessore che ringrazio dell'affetto che mi ha mostrato in questi giorni». Il colonnello Gabriele Vitagliano dopo tre anni - durante i quali ha ottenuto brillanti risultati investigativi e si è contraddistinto per il suo stile - ha lasciato Latina per andare a ricoprire un incarico a Roma al Comando Generale. «E' un collega che con il suo garbo e la sua presenza costante ha dato lustro al Comando Provinciale, spero di proseguire su questa linea e da parte mia c'è il massimo impegno».

Arrivare a Latina per dirigere il Comando Provinciale rappresenta per D'Aloia un motivo di orgoglio. «Questa è una provincia di notevole interesse, sia dal punto amministrativo che economico, colgo occasione per salutare la cittadinanza, per la quale l'Arma ha sempre profuso massimo impegno. La cooperazione e il lavoro di squadra sono fondamentali - ha ribadito - attraverso la collaborazione e la compattezza tra tutte le forze di polizia sul territorio si riescono a raggiungere i risultati utili alla cittadinanza». Anche per il nuovo comandante provinciale, la presenza sul territorio dell'Arma e tra la gente è fondamentale. «E' vitale il rapporto di fiducia con la collettività che va incrementato attraverso un costante e proficua presenza grazie alla quale si riescono a intercettare le esigenze di sicurezza che provengono dalla popolazione e mettere in campo in questo modo delle strategie per risolvere i problemi del territorio».