Ci risiamo: come accaduto alcuni giorni fa, torna l'inquinamento in mare nella zona dei Marinaretti, a Nettuno. In particolare, nella giornata di ieri, il sindaco Alessandro Coppola ha firmato un'ordinanza per istituire un divieto di balneazione temporaneo nella zona del punto di prelievo numero 131, ossia quello che si trova a distanza di 300 metri dal confine con Anzio.

Il 25 settembre, infatti, l'Arpa Lazio ha inviato una nota al Comune spiegando come, a sette giorni di distanza dal precedente fenomeno di inquinamento (enterococchi oltre il limite normativo, ndr), il campionamento dell'acqua marina ha mostrato una presenza davvero notevole sia di enterococchi che di escherichia coli. In particolare, c'erano 478 unità formanti colonie di enterococchi in 100 millilitri d'acqua (il limite normativo è di 200) e 453 unità formanti colonie di escherichia coli (di poco nel limite normativo, che è di 500 unità ogni 100 millilitri d'acqua).
Di conseguenza, data la situazione, il sindaco ha interdetto la balneazione: ora si attendono i nuovi campionamenti, ma occorre anche capire le cause di questa situazione, che al momento non sono note.