Erano quasi increduli i Carabinieri della Stazione di Sonnino quando hanno accertato che le segnalazioni giunte circa la violazione della quarantena da parte di uno dei proprietari di un'attività commerciale in località Frasso era vera. Come in ogni paese, nonostante non si dovrebbe sapere, i soggetti positivi che finiscono in quarantena diventano noti e così è successo in questo caso. I soggetti in questione, come detto, hanno un'attività commerciale che è aperta anche la domenica. E dopo giorni di assenza, alcuni clienti hanno notato la presenza di un uomo che in paese immaginavano dover essere ancora in quarantena in seguito al riscontro di una pregressa positività al Covid. Ricevute le segnalazioni i militari dell'Arma sono andati a controllare riscontrando la veridicità di quanto era stato loro comunicato. L'attività è stata chiusa, mentre il proprietario è stato denunciato all'autorità giudiziaria per violazione dell'obbligo di quarantena. In seguito è stata allertata la Asl che darà avvio all'indagine epidemiologica che a questo punto potrebbe riguardare i vari dipendenti che erano presenti e che hanno lavorato ieri e forse anche tutti i clienti che si sono serviti presso la stessa attività. Appreso il fatto, il sindaco Luciano De Angelis, ha tenuto a precisare: «Resto senza parole. Mi sto prodigando in ogni modo, anche attraverso le dirette social per raccomandarmi con i miei cittadini di rispettare le regole ed ecco che invece c'è chi, in maniera del tutto sconsiderata, le viola. Almeno mi auguro che grazie all'utilizzo di mascherine e guanti non ci saranno conseguenze in fatto di contagiati. Anzi, da quello che ho saputo, il soggetto in questione potrebbe essere stato spinto dall'esito negativo di un test rapido. Ma non funziona così. Adesso dovrò chiudere l'attività come previsto dalla legge».