Nella mattinata odierna, i poliziotti della Questura di Latina hanno proceduto ad effettuare una perquisizione domiciliare presso l'abitazione di una donna di anni 47, pregiudicata, appartenente ad una nota famiglia rom stanziale.
Nel corso dell'attività di polizia giudiziaria i poliziotti rinvenivano droga del genere marijuana ed hashish, per un peso complessivo di circa 30 grammi. Celata all'interno di un comodino della camera da letto veniva rinvenuta altresì una ingente somma di denaro in contante, pari ad 25.000 euro in banconote di vario taglio e svariati monili in oro massiccio. La donna, già sottoposta alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. e confisca di beni, non ha saputo fornire alcuna giustificazione circa la provenienza dei beni e, pertanto, l'intera somma ed i monili sono stati sequestrati con la conseguente denuncia della prevenuta alla competente Autorità Giudiziaria.

Il possesso della sostanza stupefacente rinvenuta nel corso della perquisizione è stato attribuito al nipote della donna, di anni 20, con pregiudizi di Polizia, il quale è stato indagato in stato di libertà per il reato di "detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente".
È stato inoltre sequestrato un sofisticato sistema di videosorveglianza installato a tutela dell'abitazione e dell'attività di spaccio, le cui telecamere erano posizionate in maniera tale da poter inquadrare le pubbliche strade di accesso alla casa, con l'evidente intento di effettuare un vero e proprio controllo del territorio e, contemporaneamente, monitorare l'eventuale sopraggiungere delle Forze di polizia.