I carabinieri hanno sequestrato alcuni attrezzi da lavoro appartenuti a Fabrizio Moretto, 50 anni, di Bella Farnia, ucciso lo scorso 22 dicembre da un colpo di pistola in via della Tartaruga mentre stava rientrando a casa ed era in sella al suo scooter. Era stata una esecuzione.
Sono delle falcette e delle piccole accette repertate nell'ambito dell'indagine sull'omicidio di Erik D'Arienzo, morto quattro mesi fa a seguito delle ferite riportate dopo una aggressione dove Moretto che aveva chiamato i soccorritori, era stato indagato a piede libero.
Il sequestro è scattato per valutare la compatibilità tra le ferite riportate da Erik, ritrovato in fin di vita sulla Pontina, e gli arnesi che sono stati acquisiti. D'Arienzo infatti - come ha stabilito l'autopsia - è morto a causa di profonde lesioni provocate da un' arma da taglio riportate in varie parti del corpo. La versione che aveva offerto Moretto agli inquirenti quando era stato convocato in Procura per un lungo interrogatorio, era stata ben diversa: il 50enne aveva sempre ribadito che l'amico era caduto dallo scooter. Una versione confermata sempre con molta convinzione. Nell'inchiesta sulla morte di D'Arienzo c'è una testimonianza che ha suscitato interesse e cioè che la sera in un orario compatibile con il pestaggio, sono state viste due persone che percorrevano la strada Pontina a piedi e che impugnavano a quanto pare qualcosa simile a dei bastoni o delle pale. Una circostanza alquanto singolare. I due omicidi - secondo gli investigatori - sono legati ma c'è da chiarire il ruolo che ha ricoperto Pipistrello nella morte dell'amico. E' stato proprio lui ad allertare i soccorsi e a offrire una ricostruzione che è stata sconfessata poi dall'esame medico legale. Lo ha fatto per paura di ritorsioni da parte di chi ha ridotto in fin di vita l'amico? Perchè? Sono domande ricorrenti per gli investigatori. Moretto la sera dell'aggressione era con Erik e non ha mai chiarito le cause del decesso.
Adesso la risposta che arriverà dall'analisi dei reperti che sono stati acquisiti dagli uomini del Nucleo Investigativo, potrebbe rappresentare un tassello da aggiungere o da togliere alle indagini.