Nuovo focolaio in provincia. E' scoppiato in una Rsa di Aprilia: Villa Silvana. Numerosi anziani della struttura di viale Europa sono risultati positivi al Covid-19: sicuramente più di 15, forse anche 20. Il dato certo è che si tratta soltanto di ospiti; tutti negativi invece i tamponi effettuati agli operatori. La maggior parte dei positivi non presenta sintomi gravi ed è curata all'interno della struttura, per quattro di loro invece si è reso necessario il ricovero al Santa Maria Goretti di Latina.

Villa Silvana è stata tra le prime Rsa della provincia (insieme a Residenza Pontina e Villa Azzurra) dove è stato somministrato il vaccino anti-covid, sia agli operatori sia agli ospiti. Sessanta dosi sono state iniettate il 7 gennaio, le rimanenti 54 il giorno successivo: per un totale di 114 quantità somministrate nella residenza apriliana. Naturalmente stiamo parlando di prime dosi ed è ormai stranoto come l'antidoto della Pfizer per rendere una persona immune dal Coronavirus abbia bisogno anche della seconda iniezione (così come sarà pure per il siero Moderna, a differenza dell'AstraZeneca del quale invece basterà una sola somministrazione per renderci inattaccabili dal SarsCov2). La prima dose agli anziani positivi di Villa Silvana non è servita per respingere l'attacco del virus. Il richiamo è in programma a inizio febbraio. Il numero dei contagi rilevati nella struttura di Viale Europa ha fatto impennare il dato dei casi ad Aprilia, ben 49 sui 194 totali registrati ieri.