Una cancelliera della Procura di Latina è stata sospesa dal servizio per un anno. E' la decisione presa dal gip Giuseppe Cario che ha accolto la richiesta della Procura e dei pm Claudio De Lazzaro, dell'Aggiunto Carlo Lasperanza e del Procuratore Giuseppe de Falco. Il reato contestato è quello di rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento e l'inchiesta nasce subito dopo gli arresti per l'operazione Scarabeo quando un dipendente della Procura era stato arrestato insieme ad altre persone per diversi reati. Secondo l'accusa la cancelliera ha riferito ad un indagato di Scarabeo che c'era una indagine in corso nei confronti del dipendente della Procura e che era sotto intercettazione, in sede di interrogatorio al magistrato ha spiegato che ha detto al suo interlocutore di stare lontano dal collega che  non era ben visto in ufficio. A margine dell'interrogatorio che si è svolto nei giorni scorsi il giudice Giuseppe Cario ha accolto la richiesta della Procura disponendo la sospensione per un anno.