Nell'ambito delle attività di controllo svolte nel periodo di emergenza sanitaria, i Carabinieri dei NAS, d'intesa con il Ministro della Salute, hanno svolto specifiche verifiche sulla regolare conduzione di servizi sanitari di continuità assistenziale – comunemente conosciute come Guardie Mediche – caratterizzati dall'erogazione di prestazioni mediche e sanitarie in orari notturni/festivi. Proprio al fine di valutare l'entità e la qualità sanitaria offerte dalle ASL ai cittadini nonché verificare i livelli di sicurezza a favore degli operatori sanitari, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha realizzato un'ampia campagna di controllo mediante lo svolgimento di ispezioni, eseguite proprio nei giorni festivi e nell'arco notturno, presso 390 presidi pubblici di Continuità Assistenziale dislocati su tutto il territorio nazionale, dai grandi centri urbani fino alle piccole realtà e comunità locali. Gli esiti complessivi hanno evidenziato criticità strutturali ed organizzative su 99 sedi ispezionate, determinando la denuncia di 19 persone all'Autorità giudiziaria e la segnalazione di 85 alle Autorità amministrative e sanitarie regionali. In provincia di Latina irregolarità sono state rilevate presso il servizio di Guardia Medica di Sabaudia, i Carabinieri del NAS di Latina hanno segnalato all'ASL, quale datore di lavoro, due medici di turno, risultati assenti dall'ambulatorio di all'atto dell'ispezione, pur non essendo impegnati in attività di visita a domicilio. I due sanitari saranno oggetto di procedimento disciplinare.