"Dai dati in nostro possesso del monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) il Lazio dovrebbe rimanere in zona ‘gialla' con un valore RT a 0.95, una riduzione del numero dei nuovi focolai, una riduzione del tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e di quelli in area medica entrambi al di sotto delle soglie di allerta". Lo afferma l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato.

"Inoltre vi è una riduzione dell'incidenza per 100 mila abitanti. Come sempre diciamo i colori non sono un concorso a premi, ma il frutto del rispetto da parte dei cittadini delle regole di prevenzione. La zona gialla non è mai un disco verde o un tana libera tutti, anzi aumenta la responsabilità e il rigore. Ovviamente attenderemo le valutazioni finali dell'ISS e del Ministero della Salute".  L'ultima parola, appunto, spetta al Ministero.