Una banale lite nel parco, sfociata a quanto pare per il rimprovero che una donna ha rivolto a una bambina, è degenerata in una folle aggressione tutta in rosa, una sorta di vendetta organizzata dalla madre della ragazzina per punire la sconosciuta che l'aveva affrontata. È successo nella zona del parco tra via Germania e viale Le Corbusier, dove sono dovuti intervenire i soccorritori del 118 e i Carabinieri della Compagnia di Latina.

A dare l'allarme è stata la vittima, la donna aggredita e ferita in circostanze al vaglio dei militari dell'Arma, intervenuti quando i soccorritori hanno appreso che si era trattata di un'aggressione. All'arrivo delle pattuglie, la vittima ha detto di non conoscere l'autrice dell'aggressione, ma di essere sicura che si trattava della donna con la quale, poco prima, aveva discusso nel parco. A quanto pare, dopo il bisticcio, la giovane madre avrebbe riportato la figlia a casa per poi tornare e vendicarsi.

E una volta che ha raggiunto la donna, dalle parole ai fatti il passo è stato breve: dopo una nuova discussione, la sconosciuta è passata alle mani, aggredendo la donna che aveva rimproverato la figlia, ma anche la sorella e la madre che si erano intromesse. Fatto sta che la prima ha rimediato una brutta ferita a una gamba e quando ha iniziato a lamentare dolore, l'autrice dell'aggressione si è allontanata in fretta.

Per la vittima è stato necessario il trasporto in ospedale presso il pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria Goretti, comunque in condizioni non gravi: se l'è cavata con una medicazione e una decina di giorni di prognosi.