Fare luce sulla concorsopoli della Regione Lazio. L'ordine pare sia arrivato direttamente dalla leader Giorgia Meloni, tanto che Fratelli d'Italia sta moltiplicando gli sforzi scavando negli archivi del Consiglio regionale a caccia di assunzioni di amici e parenti legati al Partito democratico. E dunque il presunto scandalo Concorsopoli non si limiterà alla graduatoria del Comune di Allumiere, tirata fuori dalla consigliera FdI Chiara Colosimo, da cui il Consiglio di presidenza della Regione Lazio e il comune grillino di Guidonia hanno pescato 24 funzionari, tra cui una dozzina abbondante di politici, segretari dem e collaboratori di consiglieri regionali del Pd. Una vicenda che sta creando non pochi imbarazzi al Partito democratico e che potrebbe portare ulteriori conseguenze nei prossimi giorni.

Infatti poco prima di Pasqua, sempre la consigliera Chiara Colosimo e i colleghi del gruppo di Fratelli d'Italia alla Camera, hanno acceso i riflettori su un vecchio concorso della Regione per esperti di Statistica, vinto dal presidente del Pd del Lazio Andrea Alemanni. In graduatoria, qui, c'è anche un ex segretario del Partito democratico di Latina.
Ma il grosso della concorsopoli Pd nella provincia pontina rimane la vicenda del Consorso Asl dove la Guardia di Finanza sta effettuando accertamenti e approfondimenti dopo alcune segnalazioni giunte da fonti diverse. Anche in questo caso sono diversi i nomi in graduatoria legati al Partito democratico o comunque al centrosinistra.

Una vicenda rispetto a cui sempre Fratelli d'Italia ha presentato una doppia interrogazione, al Senato con Nicola Calandrini e alla Regione Lazio con Giancarlo Righini. «Sui concorsi Asl per l'assunzione di 70 assistenti amministrativi e di 23 collaboratori amministrativi Fratelli d'Italia ritiene necessario fare chiarezza. In entrambi i casi la graduatoria finale mette in evidenza che a piazzarsi tra i migliori sono candidati legati a dirigenti o dipendenti Asl o a personalità con incarichi politici di rilievo sul territorio. Sebbene non sia reato per i parenti di dipendenti Asl o di politici partecipare ai concorsi pubblici, le graduatorie in questione meritano un approfondimento». Nel caso del concorso per i 70 assistenti amministrativi, c'è già in corso un'indagine della Guardia di Finanza partita da esposti degli esclusi.