Troppe persone assembrate e distanziamento impossibile da rispettare al punto che i passeggeri del treno hanno deciso di scendere, restando in stazione fino al ritorno della normalità. E' accaduto ieri mattina a Formia, dove alle 9.25 è arrivato l'Interregionale proveniente da Napoli e diretto a Roma. Dopo i consueti 10 minuti di sosta, il convolgio sarebbe dovuto ripartire verso la Capitale. Ma così non è stato. Posti disponibili tutti occupati e tanta gente in piedi, ammassata, senza alcuna possibilità di restare distanziati. Il rischio contagio ha preso il sopravvento e una buona parte dei passeggeri ha deciso di scendere dal treno, fermandosi in stazione e chiedendo che si tornasse alla normalità. Si è reso necessario anche l'intervento della Polfer per evitare che la situazione potesse degenerare.
Il problema c'è stato in principio, vale a dire a Napoli dove il treno è partito già stracolmo di pendolari. Carico oltremodo viste le disposizioni ministeriali in materia di contenimento del virus sui mezzi di trasporto. Il treno a Formia è arrivato già pieno e non era più possibile proseguire. La situazione è tornata alla normalità con l'arrivo del regionale proveniente da Minturno: una parte delle persone ferme in stazione è salita sul nuovo convoglio. L'interregionale fermato invece è partito con 60 minuti di ritardo.