Sono terminate pochi minuti fa le operazioni per l'allarme bomba davanti alla scuola Gramsci, che hanno visto impegnato anche un robot artificiere, oltre ai carabinieri del reparto territoriale di Aprilia e al supporto della polizia locale per la gestione della viabilità. Al termine delle operazioni si è scoperto che si trattava di un falso allarme bomba: all'interno dell'involucro avvolto dallo scotch giallo sul cancello di via Giulio Cesare c'era infatti una confezione di patatine. Un sospiro di sollievo per il personale scolastico, i primi a segnalare il presunto ordigno, per gli insegnanti, gli alunni evacuati dalla scuola Gramsci e i loro genitori. Resta ora da capire se il gesto abbia una natura intimidatoria oppure si sia trattato di una bravata, su questo si concentreranno le indagini dei carabinieri.

 Questa mattina un involucro è stato ritrovato davanti all'ingresso della scuola Gramsci di Aprilia, per questo è scattato il protocollo di sicurezza: sul posto sono arrivati carabinieri del reparto territoriale e la polizia locale, via Giulio Cesare è stata chiusa fino all'arrivo degli artificieri. Per precauzione è stata anche evacuata la scuola che si trova tra via Marco Aurelio e via Giulio Cesare.

di: Luca Artipoli