Al termine di un'attività di monitoraggio pianificato dalla Questura di Latina che durava già da mesi, stamattina la Polizia Locale e i Servizi Sociali del Comune di Latina, col supporto di Questura, Guardia di Finanza e Vigili del fuoco, hanno proceduto allo sgombero della baraccopoli che si era sviluppata ormai da anni lungo la sponda sinistra del canale delle Acque Medie, alle porte del centro di Latina, tra via Epitaffio e via Selene.

Dopo avere cercato invano di convincere la piccola comunità di senzatetto stranieri a trovare un'altra sistemazione o meglio accettare l'assistenza del Comune, è stato organizzato lo sgombero coatto delle baracche, una situazione di emergenza e pericolo che si trascinava ormai da troppo tempo: l'ultimo rogo, per fortuna senza gravi conseguenze, risale giusto alla scorsa notte.

Con l'intervento della forza pubblica, stamattina, gli stranieri che vivono nelle baracche sono stati invitati a lasciare le strutture di fortuna, in vista delle operazioni di rimozione da parte dell'azienda dei rifiuti Abc dopo l'intervento di messa in sicurezza dei Vigili del fuoco.

All'interno delle baracche sono stati trovati cinque dei senzatetto che vivono stabilmente lungo la sponda, ma sono stati anche trovati rifugi abbattuti dagli stessi clochard, vere e proprie catasta di rifiuti di ogni genere che, nel complesso, avranno bisogno di una profonda bonifica. Convincere gli occupanti a lasciare quel luogo e rivolgersi al dormitorio comunale non è stato facile, soprattutto perché alcuni avevano accumulato molti oggetti personali e trasformato quelle strutture posticce nelle loro dimore stabili. Buona parte di loro vivono di espedienti e accattonaggio, ma c'è anche chi lavora e più in generale tutti preferiscono quella vita, indipendente, alla convivenza forzata del dormitorio.

Il servizio straordinario di controllo del territorio è stato disposto dalla Prefettura e pianificato dalla Questura, dopo che il sindaco di Latina aveva portato la problematica all'attenzione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica.