Le strade del centro sono ormai prese d'assalto dai giovani in monopattino, ma troppi ragazzi sfruttano la micromobilità con eccessiva leggerezza e gli incidenti si stanno registrando sempre con maggiore frequenza. Ieri pomeriggio, ad esempio, si è registrato l'ultimo episodio che sottolinea la necessità di sensibilizzare gli adolescenti al corretto utilizzo dei nuovi mezzi di spostamento. Nella centralissima viale Umberto I, una zona particolarmente affollata dagli adolescenti, due minorenni hanno urtato un'automobile in transito: dopo l'apprensione iniziale per le sorti dei due giovani, l'allarme è rientrato, ma non c'erano le necessarie condizioni di sicurezza. Infatti i due amici viaggiavano sullo stesso monopattino elettrico, pratica assolutamente vietate, oltretutto senza le protezioni obbligatorie per i minorenni. E come se non bastasse, percorrevano contromano la strada a senso unico. Insomma, l'automobilista se li è visti sbucare davanti all'improvviso e non ha potuto evitare l'impatto. Per fortuna i due giovani non hanno riportato particolari conseguenze, ma l'urto tra il velocipede e la vettura, una Fiat 500L, ha provocato qualche piccolo danno alla carrozzeria che ha richiesto una constatazione amichevole tra le parti.
Il fenomeno monopattini è noto ormai da tempo e la Polizia Locale ha avviato una campagna di controlli finalizzata soprattutto alla sensibilizzazione dei giovani. Ma sembra ormai un malcostume dilagante l'utilizzo dei mezzi elettrici a due ruote senza alcuna regola, praticamente in tutta la città. Una situazione incontrollata che, in alcuni contesti, come i luoghi di ritrovo più affollati dai ragazzi, viaggia di pari passo con altre problematiche legate all'utilizzo delle microcar senza troppe attenzioni al codice della strada.