Ulteriori approfondimenti investigativi hanno permesso agli agenti della Polizia di Stato di dimostrare che il 44enne ed un 30enne, entrambi connazionali del ricercato, avevano messo in atto tutta una serie di accorgimenti per favorirne la latitanza.

I complici infatti hanno prenotato due stanze con i propri documenti  pagando in contanti, ed usando uno stratagemma hanno eluso il controllo dei recepionist dell'hotel. L'uomo è stato comunque ripreso e riconosciuto dalle telecamere interne dell'hotel, mentre a dorso nudo si spostava da una camera all'altra dei suoi connazionali. I tre avevano pianificato, in patria, l'omicidio di un giornalista, reo di aver scritto un articolo poco gradito a uno dei tre arrestati. 

I due fermati sono attualmente detenuti nelle camere di sicurezza della questura in attesa di essere giudicati domani per direttissima.