Al termine di un'accurata attività d'indagine, gli agenti del Commissariato P.S. Cisterna di Latina hanno denunciato in stato di libertà cinque persone, responsabili di aver illegalmente detenuto armi da fuoco e relativo munizionamento, appartenuto a parenti da tempo defunti.

Sono i primi esiti di un'attività di controllo a tappeto avviata dal Commissariato su tutti i detentori di armi residenti in quel Comune.

Infatti, operando un riscontro incrociato sulle banche dati ove sono registrate le armi da fuoco e l'anagrafe del Comune di Cisterna è risultato come, a fronte del decesso dei legittimi detentori a suo tempo autorizzati, alcuni eredi detenessero le armi senza avvisare l'Autorità di P.S. del rinvenimento delle stesse e senza richiedere alcuna personale licenza in tal senso.

Su alcune delle armi sequestrate l'A.G. ha disposto perizie balistiche per verificarne l'eventuale utilizzo in eventi criminosi.