I carabinieri vanno e vengono nella sede dell'azienda speciale Abc, in via dei Monti Lepini, società che gestisce il servizio di igiene ambientale per il Comune di Latina.

La mission dell'Arma, che si muove su delega della Procura della Repubblica, è quella di acquisire in copia documenti relativi ad attività diverse dell'azienda speciale e che riguardano uno spazio temporale abbastanza ampio, benché l'oggetto dell'indagine sembra essere focalizzato, almeno stando al tipo di documenti finora acquisiti, su alcune forniture di materiali che Abc acquista per poi metterle a disposizione dell'utenza, come ad esempio le buste per la raccolta differenziata e così i contenitori per i diversi tipi di materiali da raccogliere.
Fin dalla prima visita avvenuta nei primi giorni della scorsa settimana, i carabinieri hanno esibito copia del decreto con cui il magistrato li autorizza ad acquisire tutta la documentazione di cui ritengono di avere bisogno per l'inchiesta in corso, e in quel decreto ci sono i nomi di sei persone che risultano indagate, sembra per il reato di concussione. Il grosso degli indagati, cinque su sei, è costituito da vertici dell'azienda Abc, e il sesto uomo è invece un esterno, ed è la pedina che consente di ipotizzare il reato di concussione, che si concretizza quando un pubblico ufficiale o, come nel caso di specie, l'incaricato di un pubblico servizio, abusando della sua qualità costringe qualcuno a dare o promettere denaro o altro tipo di utilità.

Il sesto uomo è appunto un imprenditore che opera nel settore dei rifiuti, o più propriamente dell'igiene ambientale, e che pare sia già comparso in una recente inchiesta che lo aveva visto tra le persone colpite da una misura di custodia cautelare. E nelle ultime settimane lo stesso nome è comparso in un'altra inchiesta, stavolta con un ruolo assolutamente marginale, comunque da estraneo ai fatti che vengono contestati.

Gli inquirenti che stanno indagando su un ambito ben definito, dovranno stabilire se c'è un anello debole nella catena di comando dell'azienda speciale Abc, oppure se la condotta dell'esterno, l'imprenditore, può aver dato luogo ad equivoci o errate interpretazioni su episodi e circostanze che potrebbero invece risultare perfettamente legittime. Una tesi remota? Certo è che per spingersi ad ipotizzare un reato grave come la concussione e per disporre l'acquisizione di documenti amministrativi l'input alle indagini deve esser stato quantomeno convincente. Un esposto circostanziato e documentato, oppure una intercettazione preziosa?

Presto per sciogliere l'interrogativo. I carabinieri torneranno nella sede di Abc, dove fino ad ora hanno trovato la massima collaborazione da parte dei responsabili e dei dipendenti dell'azienda, e dunque le indagini proseguono.

Per l'ente strumentale del Comune, che opera dal gennaio 2018, è il primo incidente giudiziario nel quale incorre e di cui si sia avuta notizia. Per il Comune di Latina, per conto del quale Abc opera, si tratta di un fallo politico in piena campagna elettorale. Davvero non ci voleva.