«La Asl ha dimenticato di avvertire che oggi erano stati prenotati qui da noi dei vaccini, ci scusiamo ma dovete tornare un'altra volta». E più di qualcuno non l'ha presa bene, decidendo di rivolgersi al nostro giornale per denunciare l'accaduto. E' successo ieri mattina alla clinica San Marco dove alle ore 8 si erano prenotati alcuni anziani che dovevano effettuare la terza dose, l'appuntamento con l'iniezione era stata fissata sul portale regionale di Salute Lazio: la dose addizionale dopo aver riguardato immunodepressi e altri malati cronici, adesso è scattata per gli anziani che hanno completato il ciclo vaccinale entro il 31 marzo 2021. Le prenotazioni online sono iniziate da una decina di giorni, i vaccini vengono somministrati negli hub della provincia.

E ieri mattina, come detto, una decina di anziani si è presentata all'ospedale di viale XXVI aprile per sottoporsi alla somministrazione aggiuntiva decisa dal Ministero della Salute. Ma le cose non sono andate come avrebbero dovuto. «Io ero il terzo per ordine di arrivo, davanti a me c'erano altre due persone - ha raccontato un anziano del capoluogo, ex avvocato molto conosciuto in città - Poi ne sono arrivate delle altre. Prima ci hanno fatto entrare dicendo di attendere, poi passata una decina di minuti un'operatrice sanitaria è tornata da noi avvisandoci che non erano previsti vaccini perché l'azienda sanitaria non aveva comunicato nulla».

Dopo aver dovuto accettare la dura realtà, più di qualcuno ha iniziato a protestare senza però ottenere risultati. «Io sono di Bassiano - ha sottolineato un'anziana - Mi sono svegliata alle 6 per essere qui in orario arrivando con il pullman. La terza dose adesso me la faranno quando vogliono loro ma dovranno venire ad iniettarmela a casa. Dato che il problema è dovuto a una loro mancanza, si recheranno a Bassiano. Li aspetterò e gli farò trovare anche il caffè».

Sulla questione è intervenuta prontamente la Asl Latina spiegando cosa è successo. «Si è trattato di un disguido informativo tra noi e il responsabile della clinica San Marco - ha sottolineato la manager degli hub vaccinali, la dottoressa Silvia D'Aguanno, che gestisce il coordinamento della campagna vaccinale in provincia - Ci scusiamo con gli utenti che hanno avuto un disagio. Abbiamo immediatamente chiesto i loro recapiti e li stiamo contattando per fissare subito un altro appuntamento con la dose booster. Sul territorio abbiamo già iniziato con la terza somministrazione per gli over 80, la macchina organizzativa procede bene e dispiace per quanto accaduto giovedì. La nostra volontà e il nostro impegno sarà totale affinché non si ripetano episodi del genere».

Da mercoledì intanto è possibile prenotare la dose addizionale anche per gli anziani over 80 anni che hanno completato il ciclo vaccinale dopo il 31 marzo 2021 e che abbiano ricevuto la seconda dose da più di 180 giorni fa. Due le modalità operative di prenotazione: online sul sito regionale inserendo il numero della tessera sanitaria e scegliendo il centro vaccinale o la farmacia che si desidera e tramite il proprio medico di famiglia che potrà contestualmente somministrare anche il vaccino antinfluenzale.