Ieri, a Sonnino, i carabinieri del Comando Stazione Forestale di Priverno, in collaborazione con personale Utc di Sonnino, nell'ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione dei reati in materia ambientale, denunciavano a piede libere una 57enne del luogo.

La donna si è resa responsabile della realizzazione di lavori edili in assenza delle necessarie autorizzazioni. In particolare, le violazioni consistevano nella costruzione di un manufatto delle dimensioni di circa 160 metri quadrati per livello, con difformità nella distribuzione interna degli spazi, un cambio di destinazione d'uso da area magazzino a civile abitazione e nell'edificazione di due distinte unità abitative per una superficie di circa 100 etri quadrati.

Il manufatto è stato sottoposto a sequestro.