Assolto perchè il fatto non sussiste. Esce di scena da uno stralcio dell'inchiesta Olimpia con un' assoluzione l'architetto Ventura Monti, responsabile del settore urbanistica del Comune di Latina all'epoca dei fatti. Era imputato con le accuse di abuso d'ufficio e abuso edilizio per l'inchiesta relativa ai lavori per l'ampliamento della gradinata dello Stadio Domenico Francioni di Latina.
Ieri pomeriggio in Tribunale, davanti al Collegio penale composto dal presidente Gian Luca Soana e dai giudici Elena Nadile e Fabio Velardi, si è svolto l'ultimo atto del processo e la pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Giuseppe Miliano, titolare dell'inchiesta, aveva chiesto la condanna a due anni di reclusione per l'abuso d'ufficio mentre per l'abuso edilizio si era profilata la prescrizione.
La difesa rappresentata dall'avvocato Tommaso Pietrocarlo, ha chiesto l'assoluzione cercando di scardinare l'impianto accusatorio e al termine della camera di consiglio il collegio penale ieri pomeriggio ha letto la sentenza di assoluzione per l'architetto Monti: per conoscere le motivazioni della sentenza ci vorranno novanta giorni.