Nuova svolta nell'inchiesta sull'omicidio del giovane indiano a Borgo Montello. Dopo l'arresto del regista della spedizione punitiva all'indomani dall'agguato mortale, ieri gli investigatori della Squadra Mobile hanno individuato alcuni componenti del braccio armato del commando: in carcere sono finiti tre indiani, mentre altri due sono ricercati.

Decisive le testimonianze raccolte tra le vittime, che hanno permesso di ricostruire della spedizione punitiva consumata una settimana fa, nel casolare di via Monfalcone, al termine della festa organizzata dalla vittima, un bracciante agricolo di 29 anni, per la nascita del figlio in India. Come ricostruito dagli investigatori, il movente sarebbe riconducibile a una vendetta.