Complice la clemenza delle condizioni meteorologiche, ieri mattina molti latinensi si sono riversati sul lungomare per una piacevole passeggiata in spiaggia. E proprio durante una camminata, qualcuno ieri mattina ha notato una sagoma sospetta: quella che sembrava a tutti gli effetti lo scheletro di una mano. È scattato così l'allarme alla centrale operativa della Questura per la presunta presenza di resti umani nella zona di Foce Verde: una segnalazione che rievocava il ritrovamento di un cadavere in avanzato stato di decomposizione, nella stessa zona, giusto un anno fa. Per fortuna ieri si è trattato di un falso allarme, un abbaglio. Ovvero la mano aveva le sembianze di un vero scheletro, ma non era altro che un pezzo di un manichino di quelli utilizzati per allestimenti e decorazioni, ad esempio nel periodo di halloween. Fatto sta che prima di appurare la natura dell'avvistamento, sono dovuti intervenire i poliziotti della Squadra Volante che hanno risolto l'equivoco. Oltretutto a rendere ancora più realistica la suggestione che si trattasse di una vera mano, era anche la circostanza che si trovava all'interno del relitto di una piccola barca, trasportata a riva dal mare mosso insieme a tanti altri rifiuti, troppi.