I ripetitori radio della telefonia mobile per molti rappresentano una servitù, ma sono ormai una componente irrinunciabile della nostra vita e soprattutto possono costituire una fonte di guadagno per chi mette a disposizione gli spazi necessari per l'installazione delle antenne. Compreso il Comune di Latina, che da qualche anno però non riesce a farsi pagare con regolarità i canoni dalle compagnie telefoniche. È quanto emerge dalla determinazione numero 2364 del 29 dicembre 2021 pubblicata ieri dall'ente locale sull'albo pretorio online: il dirigente del Servizio Patrimonio ha attivato la procedura per il recupero dei proventi dei canoni non ancora incassati per un totale che supera il mezzo milione di euro. Per di più emerge che l'amministrazione municipale ha già messo in mora la società Vodafone, debitrice di una somma consistente.